A scuola di cooperazione: le cooperative scolastiche del progetto Welcome » Cooperativa Gemma

A scuola di cooperazione: le cooperative scolastiche del progetto Welcome

Diffondere gli ideali, le pratiche e i valori del mondo cooperativo e del no profit a scuola si può, e può essere un’azione non solo utile per lo studio, divertente per le attività che si svolgono o uno spunto per il futuro, ma qualcosa di concreto e importante per tutta la scuola, e magari anche per la società.

Stiamo parlando delle cooperative scolastiche, vere e proprie imprese cooperative che nascono tra i banchi di scuola e vengono portate avanti da un’intera classe designata. “Vincere insieme: a scuola di Cooperazione” è infatti una delle azioni previste da WelComE, il progetto selezionato da Con i bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile. Lo scopo dell’educazione cooperativa nelle scuole è quello di preparare le nuove generazioni a vivere e lavorare insieme; questo strumento infatti sviluppa fra i giovani la solidarietà, educa alla partecipazione democratica e all’accettazione del diverso, all’assunzione di responsabilità personali e collegiali, nonché alla gestione e al controllo dei vari progetti. In ognuna delle quattro scuole partner del progetto WelComE è attiva una cooperativa scolastica: andiamo a conoscerle tutte!

ACS Tuttinsieme timbro

L’ACS “Tuttinsieme vive con la IIID della scuola secondaria “Mario Nannini” di Vignole, ed è attiva già da qualche anno. Matilde è la Presidente, Samuel il vicepresidente; e poi ci sono i consiglieri, il segretario, il cassiere, i sindaci revisori dei conti…insomma, ogni alunno della classe ha un ruolo preciso all’interno della Cooperativa, nessuno escluso! Oltre alla campagna tesseramenti, l’ACS “Tuttinsieme” è riuscita a portare avanti molte iniziative nel corso dell’anno scolastico, tutte ben riuscite! La prima è stata la festa di Halloween con annessa merenda a pane e nutella – “NutHalloween” cui ha preso parte anche il Sindaco di Quarrata; poi l’apericena di Natale, la Carnevalata, i giochi di primavera, il mercatino dei libri e l’Open Day scolastico in cui i ragazzi della cooperativa hanno fatto da ciceroni ai visitatori.

Ma l’impegno maggiore di “Tuttinsieme” è stato profuso nel realizzare il Ricettario della scuola, un vero e proprio libro di ricette cui hanno dato il proprio contributo gastronomico genitori, ragazzi, nonni e insegnanti! Sfogliando il libro ci si imbatte anche ne “La lunga storia del lesso”, ovvero la ricetta delle polpette in umido della nonna della preside Stella Niccolai, e in tante ricette di piatti nostrani e non! Il ricettario è stato un lavoro impegnativo ma anche molto apprezzato, e ha dato i suoi frutti. Tutte le copie stampate sono state vendute, il che ha significato un buon incasso per “Tuttinsieme”.

Come una vera impresa cooperativa, anche quella scolastica tiene fede ai valori di mutualità e solidarietà: i ragazzi reinvestono gli utili nelle attività future della cooperativa, e hanno deciso di destinarne una parte in beneficienza. È così che quest’anno i ragazzi si autofinanzieranno la gita a Porta Franca, aiutando anche i compagni più in difficoltà. E ancora devolveranno una quota degli utili a favore dell’ospedale pediatrico Meyer, e probabilmente acquisteranno una stampante per la scuola.

Le idee sono tantissime e la voglia di fare non manca! Perciò siamo sicuri che la Cooperativa Scolastica “Tuttinsieme” avrà lunga vita anche quando, a fine anno, passerà agli studenti di una nuova classe. Ma prima del cambio della guardia, un piccolo momento di gloria: il prossimo 3 giugno a Firenze i ragazzi di “Tuttinsieme” parteciperanno al ritrovo annuale delle cooperative scolastiche della Toscana, dove saliranno sul palco per raccontare a tutti gli altri studenti la loro esperienza di cooperativa scolastica.

Complimenti quindi agli studenti della IIID per l’impegno e la dedizione che hanno dimostrato in questo lavoro, e anche alle professoresse Lisa Bennati, Elisa De Montis e Chiara Ventavoli che hanno saputo guidarli in questa esperienza, con il supporto della nostra operatrice Benedetta Tesi.

Leave a Reply

Your email address will not be published.