Colori in visita ai Giardini Terapeutici » Cooperativa Gemma

Colori in visita ai Giardini Terapeutici

Nuova visita per i ragazzi dell’Orto Giardino del progetto COLORI! Nella giornata di ieri, accompagnati dagli educatori Francesca e Airan, i ragazzi hanno esplorato le bellezze di un luogo davvero speciale per la sua capacità di trasmettere serenità e benessere. Stiamo parlando dei Giardini Terapeutici dell’azienda Mati 1909 di Pistoia. Ma non si tratta solo bellezza: dietro questo progetto c’è il forte impegno sociale nei confronti delle persone svantaggiate che da sempre caratterizza l’operato dei vivai Mati.

Colori ai giardini terapeutici 6 - cut

I Giardini terapeutici sono luoghi che hanno un effetto positivo sull’umore e la salute delle persone affette da alcune patologie, e che in certi casi riescono a diminuire la somministrazione dei farmaci. Ma non solo: il verde aiuta anche con le dipendenze, così il centro Mati accoglie anche i ragazzi del SERT di Pistoia, che ogni giorno lavorano a stretto contatto con la natura. Alcuni di loro, impiegati nella cooperativa (sempre di Mati) Giardineria Italiana, sono diventati veri esperti giardinieri!

Attualmente all’interno del vivaio Mati sono presenti un giardino studiato per i malati di Alzheimer, con piante ed erbe aromatiche che aiutano a rilassarsi, e di recente sono stati progettati giardini terapeutici per autismo e sindrome di Down.

Ieri al nostro arrivo siamo stati accolti da Lucia Conti, terapeuta ed educatrice, che ha fatto da cicerone alla visita dei giardini. E così ci siamo sdraiati sulla soffice erbetta dello spettacolare teatro delle erbe, abbiamo odorato il profumo delle rose del roseto, ci siamo persi nel labirinto verde e abbiamo fatto avanti e indietro nel percorso a spirale! E poi ancora abbiamo giocato a riconoscere gli alberi da frutto e le piantine dell’orto nei cassoni (proprio come quelli che abbiamo anche noi all’Emporio Sociale!) 😊

È stata davvero un’esperienza positiva e di grande ispirazione per i nostri ragazzi e per tutti noi.

Ringraziamenti doverosi quindi a Lucia Conti e Andrea Mati, non solo per l’accoglienza e la disponibilità nei nostri confronti, ma anche e soprattutto per il loro impegno quotidiano a portare avanti un progetto di tale valore sociale.

Leave a Reply

Your email address will not be published.